Multifunzioni e stampanti UTAX

17/08/2019


Orange Monday

Nuove tecnologie, come cambierà il mondo del lavoro nei prossimi anni

Nuove tecnologie, come cambierà il mondo del lavoro nei prossimi anni

La digital transformation sta interessando tutto il mondo del lavoro e, a breve, assisteremo a una vera e proprio rivoluzione. Ecco alcuni scenari che si apriranno nel futuro del lavoro.

Abbiamo già parlato di intelligenza artificiale e di tutte quelle tecnologie che stanno facendo capolino nei nostri uffici e nelle nostre aziende. Il digitale ha già cambiato di gran lunga le nostre abitudini introducendo nuovi scenari e metodi che trasformeranno per sempre il mondo del lavoro. A descrivere dettagliatamente il quadro della situazione ci ha pensato la IDC nel suo ultimo report intitolato “Future of Work”.

spazio-lavoro-virtuale

Cosa emerge dal rapporto della IDC

Le nuove tecnologie stanno innescando una vera e propria rivoluzione digitale che interesserà in prima linea i processi operativi e le prime generazioni di nativi digitali, ovvero i millenials, che rappresenteranno la forza lavoro dei prossimi due o tre anni. Le aziende dovranno dunque rivedere lo spazio di lavoro, la forza lavoro e il modo di lavorare che dovrà essere più agile e automatizzato.

Leggi anche: Intelligenza artificiale, il futuro delle aziende sarà sempre più digitalizzato

Entro il 2021, il 60% delle aziende più grandi al mondo adotterà un nuovo concetto di spazio di lavoro che tenderà a migliorare l’esperienza e la produttività dei dipendenti attraverso un ambiente più virtuale, dinamico e collaborativo. Si tratterà di un ambiente di lavoro connesso che consentirà ai dipendenti la mobilità, lo smart working e l’accesso ai dati da remoto: il lavoro non avrà più uno spazio definito a orari prestabiliti, sarà possibile operare da qualsiasi posto e su qualsivoglia dispositivo.

lavoro-digitale-futuro-aziende

Come cambierà il metodo di reclutamento

“Il mercato del lavoro sta attraversando una fase di profondo cambiamento legato alle nuove tecnologie” – ha sottolineato Donato Iacovone, Amministratore Delegato della Ernst & Young durante il Forum sul lavoro del futuro e le nuove competenze organizzato in partnership con il Sole 24 Ore – “e l’automazione ne rappresenta una delle conseguenze principali. In molti si sono interrogati sul rischio effettivo, in termini di sostituzione del lavoro umano con le macchine. In realtà non esiste alcuna prova che il lavoro umano sparirà se non nel 5-10% dei casi e per le attività più ripetitive, ma è senza dubbio evidente un cambiamento delle abilità richieste ai lavoratori”.

Leggi anche: Smart working, tutto quello che c'è da sapere sul lavoro da remoto

Se il metodo di lavoro cambia, anche le metriche per reclutare e valutare un dipendente subiranno delle trasformazioni. Entro il 2022, il 35% delle aziende sostituirà i tradizionali KPI (Key Performance Indicator) con i KBI (Key Behavioral Indicator) per misurare la comunicazione, la collaborazione, la capacità di risolvere i problemi, i risultati e gli obiettivi. Questo perché tutte quelle capacità considerate oggi soft skills assumeranno un certo valore nel futuro prossimo, quando lo spazio e i metodi di lavoro non saranno più gli stessi.

smart-working-futuro-aziende

La chiave di questo scenario sta nell’AI

All’interno di questo scenario, l’intelligenza artificiale svolgerà un ruolo fondamentale perché concorrerà a migliorare la produttività con strumenti intelligenti quali risponditori predittivi, sistemi di riconoscimento vocale o di videoconferenza automatizzati, dispositivi di condivisione e collaborazione sempre più funzionali e all’avanguardia.

La nostra realtà è già proiettata verso il futuro del mondo del lavoro, per questo offriamo una vasta gamma di prodotti e soluzioni che includono anche un’assistente tutta virtuale e dei monitor interattivi ad alta precisione. Cosa aspetti? Riorganizza la tua azienda e i tuoi uffici per accogliere il futuro ora!

22/07/2019

Sei un rivenditore?


Visita Ok Magazine - il blog dedicato alla tua attività commerciale


CERCA ARTICOLI


Iscriviti alla newsletter


Resta informato sulle novità dal mondo dell’ufficio


In evidenza


Xara, quando una stampante multifunzione diventa la tua nuova assistente virtuale

Xara, quando una stampante multifunzione diventa la tua nuova assistente virtuale

Il mondo sta cambiando e anche l’idea di prodotto non è più lo stessa. Per questo abbiamo pensato di presentarti Xara, il nostro nuovo modo di concepire una semplice fotocopiatrice.


In questo numero


Orange Monday va in vacanza, arrivederci a settembre

È stato un anno ricco di novità e notizie interessanti, ma è arrivato il momento di prenderci una ...[continua]


GDPR, ancora un grande miraggio per troppe aziende italiane

A causa di lacune e mancanza di budget, il GDPR con le sue nuove regole in materia di privacy ...[continua]


Accordo tra UTAX e GRENKE per il noleggio operativo

Oggi siamo lieti di presentarvi il nostro accordo quadro con GRENKE che prevede numerosi vantaggi in ...[continua]


Utax Social


🖨️ Versione stampabile
17/08/2019 Orange Monday Nuove tecnologie, come cambierà il mondo del lavoro nei prossimi anni La digital transformation sta interessando tutto il mondo del lavoro e, a breve, assisteremo a una vera e proprio rivoluzione. Ecco alcuni scenari che si apriranno nel futuro del lavoro. Condividi Abbiamo già parlato di intelligenza artificiale e di tutte quelle tecnologie che stanno facendo capolino nei nostri uffici e nelle nostre aziende. Il digitale ha già cambiato di gran lunga le nostre abitudini introducendo nuovi scenari e metodi che trasformeranno per sempre il mondo del lavoro. A descrivere dettagliatamente il quadro della situazione ci ha pensato la IDC nel suo ultimo report intitolato “Future of Work”. Cosa emerge dal rapporto della IDC Le nuove tecnologie stanno innescando una vera e propria rivoluzione digitale che interesserà in prima linea i processi operativi e le prime generazioni di nativi digitali, ovvero i millenials, che rappresenteranno la forza lavoro dei prossimi due o tre anni. Le aziende dovranno dunque rivedere lo spazio di lavoro, la forza lavoro e il modo di lavorare che dovrà essere più agile e automatizzato. Leggi anche: Intelligenza artificiale, il futuro delle aziende sarà sempre più digitalizzato Entro il 2021, il 60% delle aziende più grandi al mondo adotterà un nuovo concetto di spazio di lavoro che tenderà a migliorare l’esperienza e la produttività dei dipendenti attraverso un ambiente più virtuale, dinamico e collaborativo. Si tratterà di un ambiente di lavoro connesso che consentirà ai dipendenti la mobilità, lo smart working e l’accesso ai dati da remoto: il lavoro non avrà più uno spazio definito a orari prestabiliti, sarà possibile operare da qualsiasi posto e su qualsivoglia dispositivo. Come cambierà il metodo di reclutamento “Il mercato del lavoro sta attraversando una fase di profondo cambiamento legato alle nuove tecnologie” – ha sottolineato Donato Iacovone, Amministratore Delegato della Ernst & Young durante il Forum sul lavoro del futuro e le nuove competenze organizzato in partnership con il Sole 24 Ore – “e l’automazione ne rappresenta una delle conseguenze principali. In molti si sono interrogati sul rischio effettivo, in termini di sostituzione del lavoro umano con le macchine. In realtà non esiste alcuna prova che il lavoro umano sparirà se non nel 5-10% dei casi e per le attività più ripetitive, ma è senza dubbio evidente un cambiamento delle abilità richieste ai lavoratori”. Leggi anche: Smart working, tutto quello che c'è da sapere sul lavoro da remoto Se il metodo di lavoro cambia, anche le metriche per reclutare e valutare un dipendente subiranno delle trasformazioni. Entro il 2022, il 35% delle aziende sostituirà i tradizionali KPI (Key Performance Indicator) con i KBI (Key Behavioral Indicator) per misurare la comunicazione, la collaborazione, la capacità di risolvere i problemi, i risultati e gli obiettivi. Questo perché tutte quelle capacità considerate oggi soft skills assumeranno un certo valore nel futuro prossimo, quando lo spazio e i metodi di lavoro non saranno più gli stessi. La chiave di questo scenario sta nell’AI All’interno di questo scenario, l’intelligenza artificiale svolgerà un ruolo fondamentale perché concorrerà a migliorare la produttività con strumenti intelligenti quali risponditori predittivi, sistemi di riconoscimento vocale o di videoconferenza automatizzati, dispositivi di condivisione e collaborazione sempre più funzionali e all’avanguardia. La nostra realtà è già proiettata verso il futuro del mondo del lavoro, per questo offriamo una vasta gamma di prodotti e soluzioni che includono anche un’assistente tutta virtuale e dei monitor interattivi ad alta precisione. Cosa aspetti? Riorganizza la tua azienda e i tuoi uffici per accogliere il futuro ora! Condividi Tags: innovazione business strategia tecnologia soluzioni 22/07/2019 Sei un rivenditore? Visita Ok Magazine - il blog dedicato alla tua attività commerciale CERCA ARTICOLI Iscriviti alla newsletter Resta informato sulle novità dal mondo dell’ufficio Email Inserita Correttamente    In evidenza Xara, quando una stampante multifunzione diventa la tua nuova assistente virtuale Il mondo sta cambiando e anche l’idea di prodotto non è più lo stessa. Per questo abbiamo pensato di presentarti Xara, il nostro nuovo modo di concepire una semplice fotocopiatrice. In questo numero Orange Monday va in vacanza, arrivederci a settembre È stato un anno ricco di novità e notizie interessanti, ma è arrivato il momento di prenderci una ...[continua] GDPR, ancora un grande miraggio per troppe aziende italiane A causa di lacune e mancanza di budget, il GDPR con le sue nuove regole in materia di privacy ...[continua] Accordo tra UTAX e GRENKE per il noleggio operativo Oggi siamo lieti di presentarvi il nostro accordo quadro con GRENKE che prevede numerosi vantaggi in ...[continua] [visualizza l'archivio notizie] Utax Social function mostraOK() { document.getElementById("ii").style.display="none"; document.getElementById("mail").style.display="none"; document.getElementById("ok").style.display="block"; } #cercahead { text-align:right; } #cercahead { display:block; text-align:right; width:100%; margin:0px; padding:0px; } #cercahead form { position:absolute; margin-top:-31px; display:block; margin-right:0px; width:100%; } #cercaright { } @media (max-width: 768px) { #cercaright {display:none;} #cercahead {display:block;} } @media (min-width: 769px) { #cercaright {display:block;} #cercahead {display:none;} }